Associazioni

A piccoli passi fuori dalla crisi

A piccoli passi fuori dalla crisi

L’Associazione nazionale posatori professionisti, Anpp, nata a Firenze nel 2006, ha come obiettivo quello di qualificare e proteggere gli interessi professionali ed economici dei posatori associati. Aggiornamenti tecnico- giuridici sul settore, appuntamenti informativi e un ricco calendario d’iniziative sono gli strumenti che l’Associazione mette a disposizione per un perfezionamento continuo delle competenze del posatore. Dal punto di vista dell’informazione, poi, l’Associazione è a disposizione per rispondere con chiarezza a tutte le questioni che possono aiutare nel lavoro, con garanzia della massima tutela. L’Anpp presta quindi un servizio fondamentale per l’associato e si pone anche come garanzia per la clientela di affidarsi a persone e aziende qualificate. Proponiamo qui di seguito l’intervista fatta dal nostro direttore, Gabriele Marrazzini, al presidente dell’Associazione Simone Biagiotti.

Con piacere, dopo quasi un anno abbiamo incontrato l’amico Simone Biagiotti, presidente dell’ Anpp, Associazione nazionale posatori professionisti, per fare quattro chiacchiere, considerato che va di moda il confronto tra un pisano come me e un fiorentino come lui, basti vedere Letta e Renzi. A parte le giuste diatribe tra corregionali, passiamo alle domande serie. Come valuti la situazione attuale del mercato dei pavimenti in legno in Italia? Simone Biagiotti: Non credo di dire cose eclatanti e sconosciute, basta leggere e ascoltare tutte le dichiarazioni degli organi competenti, per dire che la situazione è molto difficile per non dire drammatica, per chi produce e per chi posa, e ciò che accade a livello nazionale è logico che avvenga anche nella nostra regione (il Granducato di Toscana).

Ma secondo te, a parte la recessione, indipendente dalla volontà del nostro mercato, ci sono delle responsabilità della filiera del pavimento in legno? Simone Biagiotti: Devo confessare che quando tu, nei tuoi editoriali, cercavi di far squillare i campanelli di allarme, pochi hanno voluto ascoltarti, sia da parte dei produttori del settore, sia da parte dei mie colleghi posatori; decidendo di posizionarsi, invece, verso il basso con le cineserie e con lo svacco totale sui prezzi, a discapito della qualità sia dei prodotti che della posa. E chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Allora anche anche voi dell’Anpp vi sentite un po’ responsabili? Simone Biagiotti: Come dicevo un po’ tutti. Abbiamo cercato con il progetto REG.E.A, il registro delle eccellenze artigiane, tuttora in corso, di professionalizzare noi stessi e altri nostri colleghi. Lo scorso anno lo abbiamo presentato anche a Milano, con la gentile ospitalità della Mapei, riscuotendo un lusinghiero successo. Ma forse il nostro errore è stato quello di pensare che questo fosse la panacea di tutti i mali, mentre dobbiamo insistere con incontri mirati su tutte le problematiche che affliggono il nostro settore, affinché sempre più colleghi riescano a prevenire eventuali problemi. Purtroppo negli ultimi anni si sono persi molti metri quadri di parquet, in compenso sono cresciuti come funghi i periti. Insomma, cerchiamo di invertire questo trend negativo.

Come pensate di attuare questa vostra nobile mission? Sapete bene che ci sono state diverse arroganti valutazioni che vi hanno considerato una sparuta rappresentanza locale? Simone Biagiotti: Quando siamo nati abbiamo sposato la filosofia dei piccoli passi, collaborando con tutte le aziende del settore, nell’autonomia di ogni associato di scegliere il proprio fornitore, senza dar vita a strani comitati d’affari o dipendenze, forse questa moralità e correttezza non ci ha fatto crescere quanto sperato. Anche per questo che stiamo sviluppando una collaborazione con la rivista Professional Parquet e il suo sito, primo portale del settore, affinché il nostro messaggio si possa diffondere meglio su tutto il territorio nazionale. Crediamo e speriamo che la nostra esperienza sul campo e le competenze di Professional Parquet ci possa aiutare ad attuare un progetto di cui abbiamo già la struttura, ma che dobbiamo tradurre in iniziativa e in comunicazione. Una cosa è certa non vogliamo fare guerre a chi che sia, ma vogliamo affermare la nostra trasparenza e l’orgoglio di essere posatori e validi artigiani, e su queste basi la sinergia con Marrazzini è totale.

Sperando che tu non faccia incetta di presidenze, atteggiamento che purtroppo in Italia va di moda con i risultati a tutti noi noti, sappiamo che sei anche presidente di Casartigiani Firenze-Prato, cosa ci puoi dire di questa tua esperienza? Simone Biagiotti: Prima di tutto tengo a precisare che quando sono stato eletto presidente di Casartigiani, rivestivo già la carica presso l’Anpp, ma che questo non crea nessun conflitto di interessi, anzi mi aggrava di compiti, specialmente adesso che abbiamo deciso di spingere un po’ di più sull’acceleratore, come posatori. A contempo questa esperienza di contatto con altri settori dell’artigianato mi arricchisce di esperienze che spero risultino utili anche a noi dell’Anpp.

In buona sostanza, rimbocchiamoci le maniche, senza arroganza, presunzione, ma con la giusta modestia, perché ci si deve ricordare che nel Granducato si dice: chi si loda s’imbroda.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai anche uno sguardo a...

Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker